Putin alla Nbc: “Cyberattacchi? Sono accuse infondate, non ci sono prove”. Mosca pronta a scambio prigionieri con gli Usa

Must Try

MOSCA – Il presidente russo, Vladimir Putin, ha respinto e ha definito “ridicole” le accuse secondo cui la Russia è dietro gli attacchi informatici contro gli Stati Uniti. In un’intervista alla Nbc prima del vertice con il presidente Usa, Joe Biden, Putin ha chiesto: “Dove sono le prove? Sta diventando una farsa”. E ha sfidato Nbc News, e quindi il governo americano, a produrre prove.

In an NBC News worldwide exclusive, Russian President Vladimir Putin spoke with @KeirSimmons for a rare interview addressing many issues that will be on the table with President Biden later this week, including human rights and cyberattacks. pic.twitter.com/BAmVsU5dXe

— TODAY (@TODAYshow) June 14, 2021

“Siamo stati accusati di ogni genere di cose, interferenze elettorali, attacchi informatici e così via, ma mai, neanche una volta si sono presi la briga di produrre alcun tipo prova, solo accuse infondate”, ha sottolineato al giornalista Keir Stammer. Putin si è detto aperto alla possibilità di uno scambio di prigionieri tra Russia e Stati Uniti. “Sì, certo”, ha detto a Nbc News quando gli è stato chiesto se può concepire uno scambio tra i due americani detenuti in Russia, Paul Whelan e Trevor Reed, e i russi detenuti negli Stati Uniti.

Microsoft: gli hacker russi contro partner dell’agenzia Usa per gli aiuti

28 Maggio 2021

Putin ha negato di aver tentato di uccidere l’oppositore Aleksej Navalnyj ma, alla domanda “lei si impegna a farlo uscire vivo di prigione?”, il presidente russo ha risposto in modo evasivo: “Lo tratteremo come qualsiasi altro detenuto”. Putin ha parlato con Stammer un’ora e mezzo, mentre Biden partecipava al vertice del G7 in Cornovaglia, da cui la Russia è stata sospesa nel 2014 dopo l’annessione della penisola ucraina della Crimea.

Cybersicurezza, gli attacchi hacker nell’agenda dell’incontro tra Biden e Putin

di

Daniele Castellani Perelli

13 Giugno 2021

Le relazioni tra Stati Uniti e Russia sono ai minimi storici, come ha detto oggi il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, a causa di una serie di cyber attacchi legati a Mosca, e da vecchie recriminazioni  come l’ingerenza della Russia nelle elezioni statunitensi del 2016 e del 2020. “Siamo stati accusati di ogni genere di cose”, ha detto Putin. “Interferenze elettorali, attacchi informatici e così via. E non una volta, non una sola volta, si sono presi la briga di produrre alcun tipo di prova o prova. Solo accuse infondate”.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest Recipes

More Recipes Like This