Sicilia, lavoro: ammortizzatori e cassa Covid in calo 24% a gennaio

Must Try

Ampliamento della platea dei destinatari con l’estensione delle tutele ai lavoratori a domicilio e agli apprendisti di qualunque tipologia, anche non professionalizzante; un accesso più agevole ai trattamenti di integrazione salariale con il passaggio da 90 a 30 giorni di anzianità di effettivo lavoro maturata alla data di presentazione della domanda; e una maggiore tutela economica con la previsione di un unico massimale. Sono queste le principali novità introdotte in materia di ammortizzatori sociali dalla legge di bilancio 2022 e dal decreto Sostegni ter, di cui si è discusso oggi in Sicindustria, a Palermo, in occasione dell’incontro “Quadro generale sulla nuova disciplina degli ammortizzatori sociali”, organizzato dall’Associazione degli industriali e dall’Ordine dei consulenti del lavoro di Palermo, in collaborazione con l’Inps.

“Chiarezza su normativa”

“Questo incontro – ha detto in apertura dei lavori il delegato di Sicindustria, Nino Salerno – è molto importante perché punta a fare chiarezza su una normativa fondamentale per le imprese, ma che potrebbe prestarsi a dubbi interpretativi”. “Riteniamo – ha aggiunto Saverio Giunta, direttore della sede Inps di Palermo – che sia necessario avere un confronto costante e diretto con chi si interfaccia con noi, con la consapevolezza che solo così è possibile affrontare i problemi con maggiore efficienza”. “L’obiettivo – ha ribadito il presidente dell’ordine dei consulenti del lavoro di Palermo, Antonino Alessi – è quello di prevenire le controversie e su una materia così complessa l’unica strada percorribile è quella del dialogo”. E, a dimostrare la necessità di un confronto costante sul tema, ci sono i numeri dell’Inps che per la Sicilia indicano a gennaio di quest’anno 2.385.029 ore autorizzate con causale “emergenza sanitaria Covid-19”. Un dato in calo del 24,26% rispetto a dicembre 2021, che si era chiuso con 3.148.687 ore autorizzate. In particolare, la Cassa integrazione guadagni ordinaria ha toccato quota 126.060 con un incremento del 41,40% rispetto al mese precedente (89.147), mentre sono diminuiti gli interventi di cig in deroga con 1.155.257 ore contro 1.543.342 di dicembre (-25,15%) e quelli dei fondi di solidarietà in calo del 27,21% con 1.103.712 di ore autorizzate contro 1.516.198 del mese precedente. “La ripresa c’è – ha concluso Salerno – ma ci sono ancora molte incertezze che condizionano la vita delle imprese. Per questo è necessario fare chiarezza così da semplificare e migliorare la vita di aziende e lavoratori”.

Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
SEGUICI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest Recipes

More Recipes Like This