Colla: «Chi vuole la Saga Coffee ha un progetto serio ma complesso»

Must Try

Sabato mattina stato fatto un altro passo avanti per il salvataggio dello stabilimento della Saga Coffee. L’assessore allo Sviluppo economico Vincenzo Colla, accompagnato dal sindaco di Gaggio Montano Giuseppe Pucci e dal capo di gabinetto e delegato al Lavoro per la Citt metropolitana Sergio lo Giudice, ha incontrato l’imprenditore brianzolo interessato a rilevare il sito che fino a un mese fa produceva macchine professionali per il caff. E che la propriet, la bergamasca Evoca Group, vuole chiudere entro marzo 2022 per spostare la storica produzione fra la sede principale di Valbrembo, in provincia di Bergamo, e quelle in Romania e Spagna.

Ottimismo della Regione

Resta riservata l’identit del cavaliere bianco: per ora solo dato sapere che opera nel settore metalmeccanico dello stampaggio di materie plastiche per l’automotive, ha un fatturato annuo di oltre 100 milioni di euro e ha intenzione di espandere l’attivit sul suolo italiano per sviluppare prodotti ecosostenibili nel comparto dell’energia. Dopo l’incontro, a cui era presente anche l’advisor Fossati, a cui Gruppo Evoca ha dato mandato di gestire la reindustrializzazione, Colla non ha nascosto il suo ottimismo. stato un incontro importante — informa —. L’imprenditore, che ha una lunga tradizione imprenditoriale familiare, ci ha presentato il quadro complessivo della volont di realizzare un progetto di industrializzazione che certamente serio e innovativo, ma che presenta anche una certa complessit, sia per quanto riguarda la tempistica, sia per quanto riguarda l’investimento necessario. Come istituzioni— aggiunge l’assessore — abbiamo manifestato la piena disponibilit all’accompagnamento di un progetto industriale che sia in grado di dare una soluzione ai lavoratori. Ci siamo presi l’impegno di aggiornarci a un prossimo incontro, da definire in tempi brevi, poich tutta l’evoluzione subordinata anche alla conclusione del confronto fra il gruppo Evoca e l’imprenditore stesso.

I prossimi incontri

L’imprenditore — assicura Colla — si reso disponibile a tenere il prossimo incontro alla presenza anche delle organizzazioni sindacali e delle rappresentanze aziendali dei lavoratori. E nel giorno di presidio numero 30 davanti ai cancelli i sindacati giustamente fremono. E con loro i circa 200 lavoratori rimasti in organico, di cui l’80% donna: inizialmente erano 222 ma ci sono state alcune dimissioni volontarie. Luned chiederemo un incontro urgente all’assessore Colla per capire meglio i contenuti dell’incontro — fa sapere infatti il funzionario della Fiom-Cgil Primo Sacchetti — e soprattutto per avere una data per un incontro urgente con l’imprenditore. Abbiamo molta fiducia nelle istituzioni, ma abbiamo bisogno di capire meglio anche noi. Dello stesso avviso la Fim-Cisl che ieri mattina ha sostenuto chi era in presidio a bordo di un’apecar: Siamo contenti e sollevati del ruolo di garante che la Regione ha voluto ricoprire nella soluzione di questa vertenza — commentano il segretario generale Massimo Mazzeo e l’operatore Ugo Bassi — ma abbiamo bisogno di certezze. Due punti restano fermi per tutti, Fiom e Fim: La Saga Coffee non va chiusa e ogni posto di lavoro deve essere tutelato.

La newsletter del Corriere di Bologna
Se vuoi restare aggiornato sulle notizie di Bologna e dell’Emilia-Romagna iscriviti gratis alla newsletter del Corriere di Bologna. Arriva tutti i giorni direttamente nella tua casella di posta alle 12. Basta cliccare qui.

5 dicembre 2021 (modifica il 5 dicembre 2021 | 18:51)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Latest Recipes

More Recipes Like This